Buzz Marketing e Viral Marketing quale la differenza?

Web Design | Marketing Bolzano Merano:///Buzz Marketing e Viral Marketing quale la differenza?

Buzz Marketing e Viral Marketing quale la differenza?

buzz-marketing-e-viral-marketing-quale-la-differenza-chieti-vasto-lanciano-ch-abruzzo-francavilla-al-mare-ortona-san-salvo-san-giovanni-teatino-atessa-guardiagrele-blog1-adv

Che differenza c’è tra buzz marketing e viral marketing?

Tutti e due appartengono al settore del marketing non convenzionale, ovvero, quella tecnica di commercializzazione che non rientra nei canoni tradizionali del marketing. Il primo termine non si può considerare sinonimo di WOM (word of mouth marketing) che fa riferimento al tipo di marketing basato sul passaparola degli utenti dentro e fuori dalla Rete.

Buzz marketing è invece l’insieme delle attività di marketing online e offline, finalizzate ad alimentare le conversazioni degli utenti attorno a un determinato marchio (brand).

Buzz, dall’inglese ronzio, ci da l’idea di un’informazione che viene trasmessa in continuazione. E in effetti il classico passaparola permette di far circolare in tempi brevi e senza nessun costo migliaia di opinioni e valutazioni su prodotti, servizi, campagne commerciali.

In questo caso però, il brusio che genera business viene in qualche modo indotto, aiutato tramite stimoli esterni e strategie precise.

Chi decide di avviare una campagna di buzz marketing diffonde inizialmente ad un gruppo ristretto di persone o internauti targetizzati (ovvero scelti in base al target, l’obiettivo di vendita) tutte le informazioni che ruotano attorno al prodotto commercializzato. Il passaparola farà il resto.

Sempre per ciò che riguarda il web, oggi il buzz marketing non si sviluppa solamente all’interno dei social media ma anche partendo da blog, chat rooms e applicazioni IM (instant messaging).

Cosa intendiamo invece per viral marketing o marketing virale?

Si tratta in questo caso di quel tipo di marketing che ha l’obiettivo di generare, tramite strategie precise, dei prodotti e messaggi che potremmo definire “contagiosi” e che hanno la caratteristica di diffondersi in maniera automatica. Lo studio ad hoc di questa tipologia mira a creare una tendenza all’auto diffusione spontanea in forma “virale” dell’offerta commerciale.

Le iniziative di viral marketing, a differenza di quelle di buzz marketing, partono molto spesso dall’azienda che commercializza il prodotto.

2017-02-05T11:50:51+01:00